Ultima Ora

Qui trovate le ultime notizie selezionate per voi.

E Ogni Tanto Qualche Palla Fischiava Oltre Le Nostre Teste

a cura di Roberto Todero

Il titolo del volume coglie una frase che Domenico Pesaro, autore del diario pubblicato, scrisse prima di entrare in battaglia in una lettera – testamento inviata alla moglie.
Sottufficiale richiamato nel 1914 a Pola al quinto reggimento della Landwehr austriaca iniziò al momento del richiamo nel mese di luglio a tenere un diario interrotto nel dicembre dello stesso anno raccontando con precisione episodi e luoghi lasciandoci una testimonianza di prima mano sulla vita quotidiana e sulla prima, dura campagna al fronte balcanico, campagna poco nota e ancor meno studiata.
Domenico Pesaro prese parte al secondo e al terzo tentativo di invasione della Serbia conclusisi ambedue dopo dure battaglie e difficili ritirate oltre al fiume Drina.
La storia di Pesaro continua con l’analisi dei dati riportati nel suo Haupt -Grundbuchsblatt, il foglio matricolare conservato all’Archivio di Stato di Trieste che ci racconta i successivi movimenti, le decorazioni guadagnate e il suo personale percorso militare negli anni che vanno dal servizio di leva quello durante la prima guerra mondiale.
Il volume è stato pubblicato nella collana edita da Sentieri di Pace con il contributo della BCC di Turriaco ed è richiedibile all’autore caresana12@gmail.com o presso il punto IAT di Fogliano-Redipuglia (ex Stazione di Redipuglia) info@prolocofoglianoredipuglia.it

La chiamavano spagnola ma venne dal mare

di Angelo Nataloni.

Articolo inserito nel numero di ottobre 2020 della creazione editoriale: “Quaderni storici di Emilia-Romagna al fronte” dell’Associazione Emilia-Romagna al Fronte.
I quaderni escono semestralmente e possono essere richiesti alla mail dell’Associazione Emilia-Romagna al Fronte
https://emiliaromagnaalfronte.com/
Interessantissimo articolo che mette in risalto le molte analogia della pandemia di  cento anni fa con quella di oggi. Da leggere fino in fondo.

Documenti di Archeologia 66 Il Fronte Scritto. Per un’epigrafia della Grande Guerra

Marco Balbi, Santo De Dorigo SAP, Società Archeologica s.r.l., Quingentole (Mantova), 2020

A più di un secolo dal termine della Prima guerra mondiale, i fronti di quel conflitto, in particolare quello italo-austriaco e franco-tedesco, sono ancora ricchi di testimonianze epigrafiche lasciate dai combattenti e dai civili coinvolti. Reperti che contribuiscono a costituire un “ambiente scritto” di grande suggestione e, soprattutto, una fonte fino ad oggi poco o nulla utilizzata per lo studio della cultura materiale di quell’evento, della vita quotidiana dei soldati, dei loro sentimenti e del loro atteggiamento di fronte alla morte…

I Kappenabzeichen

Serata culturale con Roberto Todero

I Kappenabzeichen, i distintivi da berretto dell’esercito austro – ungarico. Raccolti per anni con scarso interesse alla stregua di figurine, solo negli ultimi dieci, forse quindici anni si è raggiunta una maggior consapevolezza su di questi piccoli capolavori d’arte, oggetti ricchi di storia e memoria. La serata è stata coordinata da Riccardo Ravizza

Riccardo Ravizza lo trovate su: www.riccardoravizza.com

I Piastrini degli Imperi Centrali a cura di Riccardo Ravizza e Roberto Todero.

Grafica&Foto: Riccardo Ravizza.
Prima edizione: Novembre 2020.
ISBN: 979-12-200-7486-5.
Formato: 21,5x24 - 94 pagine a colori.

Dopo il primo saggio «Il Piastrino di Riconoscimento» (nel quale ho tracciato l’evoluzione e la nascita dei primi metodi di riconoscimento) propongo, a distanza di un paio d’anni, questa nuova pubblicazione fatta con il valido contributo di Roberto Todero. Assieme abbiamo analizzato e studiato nel dettaglio ogni modello presente nel corso della Grande Guerra nell’esercito imperiale tedesco ed in quello austroungarico. Grazie ad alcune fonti documentaristiche ed iconografiche dell’epoca è stato quindi possibile riconoscere e decifrare i modelli adottati nei due eserciti.

Il caso di Karel Moor

Il caso di Karel Moor Lazne Belohrad 26.XII.1873 - Praga 30.III.1945.

L’ennesimo “K” della cultura boema, di scena a Trieste sicuramente tra il 1901 ed 1905.
A cura di MASSIMO FAVENTO.
Il libro viene accompagnato dal CD musicale.

Un ufficiale asburgico tra fedeltà e patria slovena

Dal fronte galiziano al poligono di Opicina (1915-1944)

Il giorno 16 aprile 2019 presso il Circolo della Stampa di Trieste, è stato presentato il volume:
Un ufficiale asburgico tra fedeltà e patria slovena.
Dal fronte galiziano al poligono di Opicina (1915-1944).
Gaspari, Udine, 2019.
a cura di Marina Rossi e Roberto Todero.
Sono intervenuti: Pierluigi Sabbati, Presidente del Circolo della Stampa Paolo Gaspari, Jože Pirjevec Marina Rossi e Roberto Todero, curatori del volume.
Gli interventi sono stati accompagnati da un ricco e inedito percorso illustrativo.

Le fotografie scattate e raccontate da Mario Slavich

L’ora K Storie brevi dal fronte del Carso

Del bolognese Arnaldo Calori,

Volume che rivede la luce dopo la prima edizione del 1933.

Nuova edizione 2017

Un percorso storico-escursionistico da compiere in ogni stagione, con sullo sfondo la splendida natura carsica e il mare che vale un viaggio. La “Fortezza Hermada” sbarrava la strada per Trieste. L’altura carsica tra Monfalcone e Aurisina era un forte con cannoni in caverne che resistette a tutti gli attacchi italiani. Questa agile guida porta il visitatore a conoscere le trincee e le postazioni in caverna del complesso sistema difensivo austriaco, attraverso itinerari storici spettacolari, istruttivi e facili da percorrere, integrati da una narrazione storica.

Dopo una lunga attesa il 27 novembre 2015 a Parma in anteprima è stato presentato questo libro che racchiude con i suoi tredici racconti le emozioni più profonde di ragazzi e ragazze dei primi del Novecento risucchiati dal turbine della guerra.
Brevi racconti che portano il lettore nei luoghi dove l’amore, l’amicizia e l’altruismo, la sofferenza, la compassione assumono contorni di straordinaria umanità.


Il libro è stato curato dal nostro socio: Franco Bottazzi

Dalla nostra visita alla Forra del Lupo a Serrada di Folgaria abbiamo il piacere di presentare e divulgare questo splendido libro

DI FRONTE
Uno Standschützen da Schwaz alla Forra del Lupo
di Ludvig Fasser

Logo_Zenobi_definitivo_2011

Associazione Culturale F. Zenobi

Via Torricelli, 3 

34133 TRIESTE

C. F.  90082340325

Webmaster Franco  Bottazzi

Copyright ©  2002 – 2021 Tutti i diritti riservati